Mercoledi' 9 Ottobre

PROBLEMI DEI DISABILI


Duole il cuore parlare di questo problema ma sento il dovere di farlo per dare voce a tutte le persone che non possono, perche disabili a volte soli e indifesi, spesso allettati, assolutamente bisognosi di assistenza continua. Mi permetto di parlare anche a nome di tanti familiari dei disabili, anche loro non hanno voce, perche' senza mezzi per farlo, oppure diventano forzatamente complici e omertosi per coprire richieste esose e a volte subire strozzinaggio sconsiderato. Senza voler farne di tutta l' erba un fascio e nel rispetto di tutti i lavoratori onesti e scrupolosi, segnalo che molte persone, sopratutto giovani donne, prestano la loro opera a ore, paga oraria minimo tra gli 8 e i 10 euro, richiesti soprattutto in nero perche' molte di queste risultano titolari di assegno di disoccupazione e non intendono perderlo, rinunziando anche all' assicurazione INPS. Durante la prestazione di lavoro non tutte si prestano a svolgere mansioni previste dal Contratto Nazionale di Lavoro, categoria BS o CS, pulizia della casa, preparare il pranzo, lavare la biancheria ecc...ne consegue che il povero disabile, spesso con la sola pensione di invalidita' al netto degli aiuti di assistenza sociale, o i suoi familiari impossibilitati ad assisterli, si trovano costretti ad assumere una seconda persona per fare questi ultimi lavori, alle stesse condizioni economiche della precedente perche' diversamente non accettano. Molte giovani donne (alla disperata ricerca di un qualsiasi lavoro), solo perche' in possesso di un Attestato di Frequenza a corsi di qualificazione per operatori OS oppure OSS chiamati impropriamente (Diplomi), "rilasciati a pompa magna da diplomifici di turno", pagati con i soldi pubblici, accettano di lavorare, ma essendo "Diplomate", si limitano esclusivamente ad accudire il disabile solo nel servizio alla persona. Bisogna sempre mettere in conto le inaspettate sorprese finali che qualche volta vengono riservate ai disabili e/o loro familiari. Alla fine del rapporto di lavoro ti denunciano al sindacato pretendendo oneri che prima non sono stati mai richiesti, spesso aggirando con cavilli pretestuosi anche contratti scritti e firmati. La difesa del sindacato dei pensionati non esiste, pensano solo ad incassare la quota dell' iscritto che trattengono vita natural durante. Cosa resta in mano al povero cristo? Solo l' ombrello di Maradona.

Peppino Mele