La raccolta differenziata:
da rifiuto a risorsa

La raccolta differenziata dei rifiuti non e' un optional ma un obbligo morale. L' apposita legge ha fissato l' obiettivo che entro il 2012 si dovrebbe raggiungere il 65%. La media nazionale attuale e' del 22% circa. Da un rapporto di una Societa' privata e' stato calcolato che oltretutto conviene farla: dove funziona al 30%, il costo medio per il cittadino e' di 120 euro l'anno contro i 156 euro di Napoli dove da poco e' stata debellata l'emergenza.
E' comunque il modo migliore per mantenere le nostre risorse naturali intatte a vantaggio delle generazioni future. Riutilizzare i rifiuti, dalla carta alla plastica, dall'alluminio e acciao al vetro, contribuisce a conservare un ambiente naturale piu' ricco. Tradotto in cifre, milioni di alberi abbattuti, milioni di litri di petrolio consumati, milioni di tonnellate di CO2 immessi nell'atmosfera, con la raccolta differenziata, vengono risparmiati.
Esistono molte guide che insegnano a far bene la raccolta differenziata, ogni Comune d'Italia ha cercato in questi ultimi anni, con volantini, guide e indicazioni varie, di invogliare i propri cittadini a farla nel miglior modo possibile, andando incontro anche a parecchi sacrifici economici e finanziari.
Queste pagine non vogliono essere un'altra guida ne migliore o peggiore di tante altre, ma solamente una delle tante che spero possa svegliare le coscienze di chi, ancora adesso, è perplesso o indifferente verso questo sistema di raccolta dei rifiuti.

giomas