I   Proverbi   sardi

“In questa pagina ho voluto mettere alcuni proverbi trovati qua e la' o sentiti da alcuni anziani del paese. Alcuni sono propri del paese, altri hanno radici regionali e altri sono tradotti direttamente dall' italiano. Le singole traduzioni potrebbero avere vari significati quindi lascio a chi li legge la sua personale interpretazione. Queste sono mie personali.”
Per qualunque nota a tal proposito cliccare qui

La dizione e' in  ''Limba Sarda Comuna''  varieta' locale Mejlogu

Fai la ricerca della parola per leggere la traduzione del proverbio.
Clicca sul menu Modifica/Cerca nella pagina
e digita la parola da cercare, seguita da Invio.


  • Casca casca chi cras est Pasca.
  • Sbadiglia che domani e' Pasqua (...stessa razione anche se e' Pasqua...)

  • Balet unu gustu pro chentu benes.
  • Vale un gusto per cento beni

  • Chie no at faddidu in sa vida no est ancora naschidu.
  • Non e' ancora nato chi nella vita non ha mai sbagliato

  • Chie male faghet, male pensat.
  • Chi male fa male pensa

  • Pasca 'e Nadale, inue ses la faghe, Pasca 'e abrile, torra a su foghile.
  • Natale passalo dove sei, Pasqua torna a casa

  • Su frastimu de su busincu: male chi non ti connoscas!
  • La bestemmia dei bosani: che neanche tu ti possa riconoscere!

  • Sa lande ruet in sa cultina.
  • La ghianda cade sotto il suo albero

  • Chie no at s'arte, no balet chi si nde peset chitzo.
  • Chi non sa far nulla non e' necessario che si alzi presto

  • No durat ne su malu ne su bonu.
  • Non durano ne il cattivo ne il buono

  • Pudda betza faghet bonu brou.
  • Gallina vecchia fa buon brodo

  • Chie non giughet conca giughet ancas.
  • Chi non ha testa ha gambe

  • Riet bene chie riet a urtimu.
  • Ride bene chi ride per ultimo

  • Narami cun chie istas chi ti naro chie ses.
  • Dimmi con chi stai e ti diro' chi sei

  • Chie la cheret cotta e chie crua.
  • Chi la vuole cotta e chi la vuole cruda

  • Si cheres chi s'amore si mantentzat, unu piattu andat e unu bentzat.
  • Se vuoi che l'amore sia duraturo, un piatto deve andare e uno deve venire

  • Sa limba ferit prus de s'ispada.
  • La lingua ferisce piu' della spada

  • Chie abitat cun cane puligosu a cando a s'annu est puligosu e mesu.
  • Chi sta con un cane rognoso, dopo un anno e' piu' rognoso di lui

  • Chie la faghet si l'ispetet.
  • Chi la fa l'aspetti

  • Chie s'accuntentat gosat.
  • Chi si accontenta gode

  • Pro mandare malu missu, metzus b'anderat issu.
  • Per mandare un cattivo ambasciatore, meglio andarci di persona

  • Ognunu est fitzu se s'obera sua.
  • Ognuno e' figlio di quello che fa

  • Su giogu bellu durat pagu.
  • Un bel gioco dura poco

  • Sa mandronia est sa mama de sos vitzios.
  • L'ozio e' il padre di tutti i vizi

  • Ite culpa tenet su atu si sa massaja est maca?
  • Non e' colpa del gatto se la padrona e' scema

  • Deus est in su chelu pro totus.
  • Dio e' in cielo per tutti

  • Male chi ti cheres tue, mai rimediu agatas.
  • Al male che tu stesso ti causi, non c'e' soluzione

  • Caddu a cumone, ne fune ne crabistu.
  • Un cavallo con due padroni non appartiene a nessuno dei due

  • Su male no andat mai solu si no est accumpagnadu.
  • Il male non viene mai da solo

  • Non fetas mai su passu prus longu de s'anca.
  • Non fare mai il passo piu' lungo della gamba

  • Caddu e pobidda leadilu in bidda.
  • Moglie e buoi dei paesi tuoi

  • Metzus tardu chi non mai.
  • Meglio tardi che mai

  • Chie tenet tempus no ispetet tempus.
  • Chi ha tempo non aspetti tempo

  • In sa buca serrada non b'intrat musca.
  • Nella bocca chiusa non entrano le mosche

  • Sa femina nd'ischit una prus de su dimoniu.
  • La donna ne sa una piu' del diavolo

  • Chie andat a caddu est sugetu a nde ruere.
  • Chi va a cavallo e' soggetto a cadare

  • Orrios de s'ainu non che pigant a chelu.
  • I ragli dell'asino non salgono in cielo

  • B'est chie cheret sa cuba piena e sa mutzere imbreaga.
  • C'e' chi vuole la botte piena e la moglie ubriaca

  • Su tropu istropiat.
  • Il troppo stropia

  • Su tempus est mastru.
  • Il tempo e' maestro

  • Onzi puzone at fatu su nidu sou.
  • Ogni uccello ha fatto il suo nido

  • Chie chircat agatat.
  • Chi cerca trova

  • Metzus fagher imbidia chi non piedade.
  • Meglio far invidia che pieta'

  • Chie si antat, male si sentit.
  • Chi si vanta cerca di coprire i propri difetti

  • Niunu est naschidu imparadu.
  • Nessuno sa niente se non gli viene insegnato

  • Impara s'arte e ponela a parte.
  • Impara l'arte e mettila da parte

  • Niunu naschet mastru chen'aere imparadu.
  • Nessuno diventa maestro senza studiare

  • Su sartu faghet bestimentas conforme a su pannu.
  • Il sarto fa i vestiti conformi alla stoffa ( fare cio' che e' possibile...)

  • Su dimoniu faghet padeddas ma non cobertores.
  • Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi

  • Faghere e isconzare est tottu a trabagliare.
  • Fare e disfare e' tutto lavoro

  • Chie riet in banca e in lettu, o est macu o est feltu.
  • Chi ride a tavola e a letto o e' matto o e' scemo

  • Conca sana corpus sanu.
  • Mente sana in corpo sano

  • Sos pannos brutos si samunant in domo.
  • I panni sporchi si lavano in casa propria

  • A sa proposta b'est sa risposta.
  • Alla proposta c'e' la risposta

  • Fitziu de atu sorighe tenet.
  • Il figlio del gatto cattura il topo

  • Corpus de unu monte si attraessat ma de s'omine no si resessit.
  • Si puo' passare dentro le montagne ma non dentro gli uomini

  • Metzus solu chi non male acumpagnadu.
  • Meglio solo che male accompagnato

  • Onzi lassadu est perdidu.
  • Ogni lasciata e' persa

  • Chentu concas chentu berritas.
  • Cento teste, cento modi di pensare

  • Su mazzone de pilu cambiat ma de trassas mai.
  • La volpe perde il pelo ma non il vizio

  • Su atu atatu non sorigat.
  • Il gatto sazio non va a caccia di topi

  • Peidru mortu, cadrea leada.
  • Prete morto, sedia presa ( se non lo fai, un'altro coglie l' occasione...)

  • A su caddu semadu sa sedda pitigat.
  • Al cavallo ferito la sella da fastidio

  • Chie abba in su moltaggiu pistat, abba est e abba istat.
  • E' inutile pestare l'acqua nel mortaio

  • Abrile hat mortu sa mama a frittu.
  • Aprile ha ucciso sua madre di freddo

  • Su catolartzu a totu cartzat e issu est iscurtzu.
  • Il calzolaio fa le scarpe a tutti meno che a se stesso

  • In domo 'e su truddaltzu ne trudda ne cogaltzu.
  • In casa del mestolaio non trovi i mestoli

  • Santa Lughia, unu passu e pia; Pasca 'e Nadale, unu passu e mannale.
  • Dopo Natale le giornate si allungano di piu'

  • Saccu boidu non retzet reu.
  • Sacco vuoto non sta dritto

  • Donzi matta de ardu mi paret Nenardu.
  • Ogni pianta mi sembra Leo ( cio' che vedi e' cio' che vuoi vedere...)

  • O est babbu o est barriu 'e paza.
  • O e' babbo o un carico di paglia (...o e' questo o e' quello...)

  • Cando su atu non b'est, sos sorighes ischeltiant.
  • Quando il gatto non c'e', i topi ballano

  • Duttore piedosu, piae pudida.
  • Dottore pietoso, piaga putrida

  • Chie samunat sa conca a s'ainu, perdet tribagliu et sabone.
  • Chi lava la testa all'asino, perde tempo e sapone

  • Abba a unu melone e binu a su maccarrone.
  • Acqua al melone e vino alla pastasciutta

  • Sos annos passant e niunu sind'abbizat.
  • Gli anni passano e nessuno se ne accorge

  • Su tribagliu narat chie est su mastru.
  • Il lavoro dice chi e' il maestro

  • Chie chenat binu immurzat abba.
  • Chi cena vino fa colazione con acqua

  • Manos de oro, conca de linna.
  • Mani d'oro, testa di legno

  • Chie sighit duos leperes non de sighit mancunu.
  • Chi insegue due lepri non ne segue nessuna

  • Prestu e bene no andant mai bene.
  • Presto e bene non va mai bene

  • Chie pagu ettat, pagu isettat.
  • Chi poco semina poco aspetta

  • Su caminu curzu imbezzat s'ainu.
  • La strada corta invecchia l'asino

  • Menzus chivarzu in domo sua chi non poddine in domo anzena.
  • Meglio pane duro a casa propria che farina in casa d'altri

  • Briga de frades, briga de canes.
  • Liti fra fratelli, liti fra cani (...fratelli coltelli...)

  • Su sambene no est abba.
  • Il sangue non e' acqua

  • Sa mala fama impiccat s'homine.
  • La brutta fama strangola l'uomo

  • Chie male pensat, peus la faghet.
  • Chi male pensa, peggio agisce

  • A contos male fattos si bi torrat.
  • I conti mal fatti bisogna rifarli

  • A pagare e a morrere b'hat sempre tempus.
  • A pagare e a morire c'e' sempre tempo

  • Homine sabiu non chircat fattos anzenos.
  • L'uomo saggio si fa i fatti suoi.

  • A peraulas maccas, orijas surdas.
  • A parole stupide, orecchie sorde

  • Prima pessa,poi messa.
  • Prima rifletti poi agisci

  • Lezzes meda, populu miseru.
  • Molte leggi popolo in miseria

  • Si ti cheres sanu, faedda pagu.
  • Se vuoi star bene parla poco

  • A su male su remediu.
  • Al tutti i mali c'e' un rimedio

  • Abba de sero, friscu de manzanu.
  • Pioggia di sera, fresco al mattino

  • Caddu lanzu, musca meda.
  • Cavallo magro, molte mosche

  • Chie dormit a pizzinnu pianghet a bezzu.
  • Chi dorme da giovane piange da vecchio

  • Chie est maccu s'istet in domo sua.
  • Chi e' scemo se na stia a casa propria

  • Contra a Deus non si podet andare.
  • Non si puo' andare contro Dio

  • De sos duos males abbrazza su minore.
  • Dei due mali abbraccia il minore

  • De su tribagliu fattu non ti nde pentas mai.
  • Non pentirti mai del lavoro fatto

  • Iscuru su caddu chi non hat padronu.
  • Povero il cavallo che non ha padrone

  • Metzus unu bonu amigu chi non unu malu parente.
  • Meglio un buon amico che un cattivo parente

  • Sa cosa antiga durat de pius.
  • Le cose antiche durano piu' a lungo

  • Sa cosa cara est sa pius saborida.
  • Le cose regalate sono le piu' buone

  • Senza dinari non si cantat missa.
  • Senza soldi non si canta messa

  • S'homine bonu faeddat in cara.
  • L'uomo onesto parla in faccia

  • S'occasione faghet s'homine ladrone.
  • L'occasione fa l'uomo ladro

  • Sos maccos e sos pitzinnos narant sa veridade.
  • I matti ed i bambini dicono la verita'

  • Sos males de sa iuventude bessint in sa bezzesa.
  • I mali di gioventu' vengono fuori in vecchiaia

  • Su dinari azzegat s'homine.
  • Il denaro acceca l'uomo

  • Su riccu pius nd'hat, pius nde disizat.
  • Il ricco piu' ne ha e piu' ne vorrebbe

  • Paga zente, bona festa.
  • Poca gente buona festa

  • Chie non cheret ballare, non andet a sa festa.
  • Chi non vuole ballare non vada alla festa

  • Su chi ischit su foghile, chi non l'iscat su giannile.
  • Quello che si dice in casa non devono saperlo fuori

  • Chie non l'hat a s'anca l'hat a su pe'.
  • A chi non fa male la gamba fa male il piede

  • Cunfida in totus, e fidadi de pagos.
  • Confida in tutti ma fidati di pochi

  • Pudda chi non biccat at gia' biccadu.
  • Gallina che non mangia ha gia' mangiato

  • S'ainu l'atit e s'ainu si la mandigat.
  • L'asino la porta e l'asino se la mangia (...non la divide con altri...)

  • Cicciu cumandat a cane e cane cumandat a cicciu.
  • Rimpallarsi l'ordine l'un l'altro

  • Prende s'ainu inue narat su padronu.
  • Lega l'asino dove dice il padrone

  • Isterre sas ancas cunforme a su lentolu.
  • Stendi le gambe conforme al lenzuolo

  • Cunforme a su truncu s'ascia.
  • Usa la scure conforme al tronco da tagliare

  • Chie naschet tundu non podet morrer quadratu.
  • Chi nasce sano non puo' morire quadrato

  • Caladu comente appara.
  • Afflosciato come l'erba bagnata (...modo di dire...)

  • Ainu basciu pudderigu paret.
  • L'asino basso sembra un puledro

  • Chie non cheret giugher saccheddu, non si pontzat mulinartzu.
  • Chi non vuole lavorare non si compri gli attrezzi

  • Metzus fizu 'e sorte chi non fitzu 'e re.
  • Meglio fortunato che ricco

  • Chie drommit in tot'unu cabidale, cun d'una mente sinde pesat.
  • Chi dorme con qualcuno si alza con il suo pensiero

  • A cosa fatta non balet impudu.
  • Fatta una cosa non vale pentirsi

  • Peccados de babbu et de mama, fizos lu pianghent.
  • Le colpe dei genitori le piangono i figli

  • Su trabagliu narat chie est su mastru.
  • Il lavoro eseguito rivela l'artefice

  • Femina lanza, femina corriatta.
  • Donna magra, donna resistente

  • A bentu in favore, ogniunu ischit navigare.
  • Col vento in favore,ognuno sa navigare

  • Chie semenat ispinas non andet iscurzu.
  • Chi semina spine non vada scalzo

  • Chie non hat domo non hat bighinu.
  • Chi e' povero ha poche relazioni ed aiuti

  • Sa domo est minore, su coro est mannu.
  • La casa e' piccola, il cuore e' grande (...riguarda l'ospitalita'...)

  • A chie fizu, a chie fizastru.
  • A chi figlio, a chi figliastro (...quando si fanno parzialita'...)

  • A chie hat fizos, non mancant fastizos.
  • Chi ha figli ha fastidi

  • Paret chi totu su mundu siat sou.
  • Sembra che tutto il mondo sia suo (...uno che non e' altruista...)

  • Aggiungher abba a su mare.
  • Aggiunger acqua al mare (...dare a colui che non ne ha bisogno...)

  • Segundu su male sa meighina.
  • Ad ogni male la sua medicina

  • S'ainu famidu non timet su fuste.
  • L'asino affamato non teme il bastone

  • Iscultare consizos est de sos sabios.
  • Ascoltare consigli e' dei savi

  • Su riccu non est mai cuntentu.
  • Il ricco non e' mai felice

  • Chie faghe trinta non semper faghe trintunu.
  • Chi fa trenta non sempre fa trentuno

  • Su sambene no est abba.
  • Il sangue non e' acqua

  • A pagare e a morrere b'hat sempre tempus.
  • Per pagare e per morire c'e' sempre tempo

  • Ogni attapada est a su poddighe malu.
  • Ogni pestata e' sul dito malato (...chi ha gia' guai, ne subisce altri...)

  • Su troppu istroppiat.
  • Il troppo stroppia

  • Istat prus bene chie pedit chi no chie medit.
  • Sta meglio chi chiede che chi dona

  • Chie cheret viver sanu pesat chito su manzanu.
  • Se vuoi viver sano alzati presto la mattina

  • Mezzus caddu toppu chi no caddu mortu.
  • Meglio malato che morto.

  • Ne' cane de cazza, ne' omine balente, nde moridi mai bezzu.
  • Ne' il cane da caccia, ne' l'uomo abile muore mai vecchio.

  • Su mundu est de chie lu cheret, su chelu de chie l'alcansat.
  • Il mondo e' di chi lo vuole, il cielo di chi l'ottiene.

  • Male furiosu, coittada a passare.
  • L'ira passa presto.

  • In su nascer e in su morrer tottus semus che pare.
  • Nel morire e nel nascere tutti siamo uguali.

  • Sa morte non jughet ojos.
  • La morte non ha occhi.

  • Nisciunu si nelzada biadu, chena essere interradu.
  • Nessuno sia detto beato prima di essere sepolto.

    Torna ad inizio pagina