Nuraghe come ovile






Fondo pagina

Sa Missa in limba

Esperimento effettuato per la prima volta in Sardegna, a Sassari, nella chiesa di S.Paolo, durante una funzione religiosa, nell'ultima domenica di Quaresima.
Il racconto della deposizione di Cristo nel Santo Sepolcro
(trovato sulla rivista mensile di musica, tradizione e cultura sarda "Sonos & Contos")

<< Zuseppe at leadu su corpus de Gesus,
l'at imboligadu in d'unu lentolu biancu
e che l'at leadu a sa tumba sua noa,
chi s'aia fattu iscavare in sa rocca;
troulada appustisuna pedra manna in sa gianna
de sa tumba, si ch'est andadu>>
(Mt 27, 59-60).
                                    (segnalato da un'anonimo)

Posted by giomas2000 il 10 Giugno 2008

Torna su

"Semper la limba tua appas presente..."


28 abrile 2008
Sa Die de sa Sardigna dedicada a sa limba nostra


Nel centro nord della Sardegna, intorno alla regione del Logudoro,
si e' affermata una forma di poesia estemporanea in ottava rima
basata sul confronto dialettico tra poeti intorno ad un tema fissato da terzi.
I poeti cantano i loro versi accompagnati da un coro a tenore realizzando un felice connubio tra poesia e musica,
che costituisce una complessa forma d'arte originale, di grande impatto ed efficacia comunicativa.
Non potendo riportare tutte le poesie della manifestazione
ne voglio proporre una che ne rappresenta benissimo il tema:

No sias isciadu

O sardu, si ses sardu e si ses bonu,
semper sa limba tua appas presente
no sias che isciadu ubbidiente
faeddende sa limba 'e su padronu.

Sa nassione chi peldet su donu
de sa limba iscumparit lentamente,
massimu si che l'essit dae mente
in iscrittura che in arrejonu.

Sa limba 'e babbos e de jajos nostros
no l'usades pius nemmancu in domo
pruite pobera e ruzza la creides.

Si a iscola no la jughides
po la diffunder menzus, dae como
sezis dissardizende a fizzos bostros.

                                                           
                                                                    Remundu Piras

                                                           su 29 de Santu Aine de su 1977

Posted by giomas2000 il 30 Giugno 2008

Torna su

Ricordo di Beppe Sotgiu

                                    IL VATE DELL' ARMONIA            (poeta scomparso)

Nato a Bonorva il 24 Giugno 1914, ex allevatore, durante il tempo trascorso nei silenzi e in mezzo ai suoni della natura della campagna, getta le basi della sua personalita' artistica.
Nel 1939 sale sul palco per la sua prima gara poetica.
Solo dopo la guerra riprende il suo cammino di poeta improvvisatore che fu lungo e pieno di soddisfazioni e che si concludera' nel 1993, con una esibizione a Bonorva, proprio il 24 Giugno, festa del suo 79esimo compleanno.
Poi, con il sopraggiungere delle malattie e della vecchiaia, scompare il 27 Marzo 2008.
Con lui scompare una delle figure piu' significative che siano mai apparse sui palchi delle gare poetiche logudoresi.
Voglio farvelo conoscere con alcuni suoi sonetti durante una gara poetica a Seneghe, per la festa patronale, insiema a Antoni Piredda. All'inizio della gara la piazza era ancora semideserta e lui osserva:

In dogni gara ch'inoghe si est fatta
poninde in motu la lirica vena
ja mi pariat sa idda cumpata
tota partecipende a-i-cust'iscena.
Ma istanotte ancora sa piata
est meraviglia ca no est piena.
Custu pro una gara dat signale
ch'est paga zente o no est puntuale.

Piredda fa il gioco delle parti e aggiunge:

...a daghi su momentu est opportunu
cantamus po sos pagos chi che sunu.

Ma per Sotgiu non e' una questione di numeri ma
della dignita' della funzione di un poeta e ribatte:

De una festa tota s'armonia
deo ti so poninde a su cunfrontu
ca proite sa zente la tenia
de inoghe guasi sempre a contu.
Poi non creo chi sa poesia
lu idat in cust'era su tramontu;
mancari a taldu ja 'ndessin a fora
e-i-sa gara l'iscultan'ancora.

E mentre la piazza comincia a riempirsi, continua:

A interder su nostru versu sardu
sun'arrivados, mancari in ritardu.

Per paura che il tema della gara fosse oggetto di discussione negativa, Piredda commenta:

...istanote iscultades sa gara
e cras 'ndazis a faghes sos cumentos,
e-i-sas mentes sas pius eletas
giudican s'operadu 'e sos poetas.

Al che, Sotgiu risponde:

No es de gai sa idea mia
Antoni, ti ses fatu contu mannu;
custos fin sos cumentos de una ia
pro dare elogiu o cumprender su dannu;
ma como de una gara in poesia
crese chi bi cumenten totu s'annu?
A da chi che falamos dae susu
de poesia non miran piusu.

Nei tempi in cui gareggiava sui palchi della Sardegna, la poesia sarda viveva un'epoca d' oro,
la fase conclusiva e sfavillante della sua stagione migliore.
Erano in piena attivita' Tucconi e Sassu, Giovannino Fadda, Remundu Piras, Antoni e Gavino Piredda, Seu e Crobu, insieme ai giovani Zizi, Masala, Pazzola e Sale, solo per citarne alcuni dei piu' noti. Non vi fu zona dell'isola che non vi fosse interessata.
Sotgiu, nelle sue argomentazioni, attingeva spesso all' esperienza quotidiana e al comune buon senso.
Diceva:" Nois amus godidu in sa miseria e-i-custos sun suffrinde in s' abbundanzia!".

Adiosu, tiu Peppe. E grazie di tutto.

Da un'articolo pubblicato da Giovanni Perria
sulla rivista mensile di musica, tradizione e cultura sarda: "Sonos & Contos".
---------------------------------------
Un'atteru poeta l'at dedicadu duas peraulas:

A tiu Peppe Sozu

T'app'intesu cantende e mi parias
una campana in sa festa sonende
cun sos poetas mannos misurende
sas fortzas poderosas chi tenias.

Cun metrica perfetta sestaias
sas ottavas in gara, a tottu dende
su consolu de s'anima iscultende
sas nadas chi fin raras poesias.

Annos e annos in palcu t'at bidu
sa zente sarda tra lughes e laros
ch'esserat in s'altare nende missa.

Tue ses mortu ma che rocca fissa
restat sa fama de sos versos jaros
ch'as ispaltu che semene cumpridu
in sos saltos a tie tantu caros!

              Antoni Maria Pinna  (poeta di Pozzomaggiore)
preso dal libro del Premio di poesia sarda Giorgio Pinna

Posted by giomas2000 il 01 Luglio 2008

Torna su


Unu Tzegu

Mario Vargiu - Narbolia

Il poeta narboliese descrive il raffronto fra realta' e fantasia
tra condizione fisica e sogno liberatorio,
fino alla triste conclusione che forse e' meglio vedere o essere ciechi alle brutture del mondo?

Si lamentat unu tzegu poberittu
e preghende su sant'ad'invocadu
chi cantu prestu enzerat sanadu
pro mirare sa tantas cosas bellas
ca de ider su sol' e sa istellas
natura li ha negadu su dirittu.

In sas anderas de su pensamentu
idet cantu de ider at in brama:
su bellu caru visu de sa mama
li si mustrat che cara visione
babbu e parentes s'apparizione
li faghen in sa ment' a su momentu.

Che rundines galanas ch' in beranu
passizzan ciulende in sas aeras
gai a sa fantasia, pasizzeras
s' accheran de continu cuddas caras
mai connotas, visiones raras
chi at de ider isperad' invanu.

E cun sos ojos de sa fantasia
idet cantu de bellu ch' ad'ancora
su tramontu, sa lughid' aurora
sas undas de su mare, s' orizonte
sas feras e sos buscos de su monte
chi pienan su cor' e allegria.

Ma cantu prestu sas cosas amenas
faghen logu a sas tristas e penosas:
sun mamas chi pianghen' affannosas
sun fizos de sa droga ruinados,
in presone innozentes inserrados
e cundennados pro culpas anzenas.

Idet cun pena ca in dogni sinu
pesat s' affannu e in chizos su dolu
e in sa mente sua lean bolu
sos amentos de su chi at passadu
e pensat ca su tzeguest fortunadu
ca su male no biet de continu.

Tand' a su santu protetore sou
pensend' a cantu male, dolu e pena
idet s' omin' in sa vita terrena,
lu pregat chi l' inztzeghet dae nou.

Dalla sezione " Racconti e poesie" a cura di Bachis Serra
sulla rivista mensile di musica, tradizione e cultura sarda: "Sonos & Contos".

Posted by giomas2000 il 04 Settembre 2008

Torna su


Su pittigalimba

Memorias manzonianas de Larentu Ilieschi

Pro guvernare bi cheret coraggiu
non cura 'e s'interessu personale
ne sutamissione viscerale
tipu Fantozzi 'e Paulu Villaggiu.

Su capitanu 'e un'ecuipaggiu
in mare afrontat dogni temporale
e cand'idet sa barca andende male
isse providit a su salvataggiu.

E invece sos nostros guvernantes
paret chi sian, pro vocatzione,
parte fifones e parte arrogantes.

Deris amigos e oe inimigos,
ca s'Italia est unu barracone
de Don Abbondios e de Don Rodrigos.

E cun s'imparu de Roma ladrona
s'arrichin iscaldende sa poltrona.

da una pagina della rivista Lacanas, fondata e diretta dal Prof. Paolo Pillonca

Posted by giomas2000 il 20 Settembre 2008

Torna su


AMMENTU 'E JORZI PINNA

                                 Poete de Putumajore

Breve biografia
Nato a Pozzomaggiore (SS) nel 1902 dove visse e mori' nel 1970, era uno dei pochi fortunati che agli inizi del 1900, aveva potuto frequentare le scuole fino alla sesta elementare.
Subito dopo, come per gli altri bambini di quei tempi, cominciarono i lavori in campagna, di cui amava la bellezza e il piacere di vivere a contatto con la natura.
Questa sua grande passione gli duro' tutta la vita, anche quando, oltre a fare l'agricoltore e il vignaiolo, inizio' un'attivita' di commercio del vino.
Ebbe moglie e tre figli e il suo altro grande amore fu la poesia che approfondi' con maggiore intensita' con il passare degli anni, studiando i classici della poesia in lingua sarda( da Murenu a Cubeddu...).
Oltre alle poesie ricordiamo di lui un dramma intitolato: "Lillia",
poi: "Sa vida umana e avventurosa de unu giovanu"
e ancora:
"Diana, ossiat sa littera perdida" ,
dal quale ho estratto alcuni versi:

Giuro chi forte t'adoro
giura chi forte m'istimas...
para coraggiu non timas
t'animes forte su coro.

In cust'antigu foghile
supra sa lughe divina,
giurat sa manu attarzina,
giurat su coro gentile.

Ello goi a pilu isortu
pianghes Diana mia
e pro unu 'asu ebbia
isclamas chi t'appo mortu?

La maggior parte delle sue opere e' raccolta in due volumi
pubblicati col titolo: "Cantigos de ajania"
(Edizioni 3T Cagliari 1979)

Estratti dal libro "A manu tenta" del Premio di poesia sarda Giorgio Pinna.
Biografia a cura della Prof.ssa Franca Deriu

Posted by giomas2000 il 25 Settembre 2008

Torna su


UNU CONSIZU

          Isettende s'opera 'e su dentista...

Cando su destinu est inzertu
de sa nostra umana dentatura,
ricurre a sa cura 'e un'espertu
cun iscenzia chi siat sa cura,

puru chi costed meda che aneddu
et sentza dolores de cherveddu,
chi siet bella, forte e duratura.

Sa ucca ti faghet che bajaneddu
cun sas dentes biancas che ispuma
cun sa sua manu lebia che piuma
su duttore Graziano Cubeddu.

Bida attaccada a su muru, isettende su dentista, firmada "Peppiconi"

Posted by giomas2000 il 02 Ottobre 2008

Torna su


SA NOSTALGIA

          ...la voce di un'emigrata...

Cara Sardigna custa poesia
Ti mandat dae coro Graziella
Pro me no b'hat cosa pius bella
Che nominare sa terra nadia

Tottu sos annos chi so a Biella
Suffro de sa troppa nostalgia
E su chi ti so nende no est faula
Ca dae coro mi 'enit sa peraula

O cara istimada terra mia
so dae coro demoralizzada
Po tantas cosas chi bisonzu aia
Nde so in terra anzena emigrada

E s'isto male est chi so avvilia
Est ca ancora no so rassegnada
ma innoghe so solu po sostare
Chena fagher cuntrattu pro restare

Graziella Cuccuru da Biella

Posted by giomas2000 il 22 Aprile 2009

Torna su



Cantadores a chiterra:
Franco Denanni
Gianni Denanni
Franco Dessena
Daniele Giallara
Salvatorangelo Salis
Emanuele Bazzoni
Franco Demuru
Aurora Cubeddu

Sonadores de chiterra:
Nino Manca
Alessandro Carta
Tore Matzau

Sonadores de fisarmonica:
Claudio Dessena
Gianuario Sanna

INVITU A SOS GIOVANOS

          Associazione Culturale "CANTADORES A CHITERRA"  Ozieri

Sa paghe, sa salude e s' armonia
nos' accumpazet mannos e minores.

E in custa isola nadia
chi si rinnoven sos sardos valores.

Cun garas de chiterra e poesia
ballos antigos, cantos de tenores

Pro no perder limba e identidade
cuddos chi sunu in sa novella edade.

                                                Bruno Agus

Posted by giomas2000 il 23 Dicembre 2009

Torna su



La passione per la poesia e l' affezione per la lingua madre sono costanti in Antonio Maria Pinna da ormai circa mezzo secolo e tracciano un viaggio tra la tradizione e la modernita'...

SA LUGHE DE S' ANIMA

          Dal libro di poesie Torrat sempre su sole di Antonio Maria Pinna

Su tempus passat e subra sas palas
sos annos mi nd' imbolan pesos graes
e non sun fruttos chi mujan sas naes
de custu viver meu: sun turmentos
chi m' intregat s' andanta a passos lentos
ch'essera unu puzone fertu in alas!

S' intrinada chi miro in s' orizonte
a cust' andera mia l' assimizo:
su sole est dende 'olta e mi nd' abizo
chi sa nott' 'e sas umbras s' avvicinat,
ma s' anima non timet, ne s' inchinat
a tantu iscurigore ch'est de fronte!

Sa vida andada at postu in marrania
sas fotzas poderosas e sos brios,
ma non sun mortos sos beranos mios:
sun in s' anima garrigos de lughe
faghinde fiorire custa rughe
ch'a betzesa mi faghet cumpagnia!

Ite contat s' edade s' in su sinu
jutto s' anima atzesa chi mi ghiat
galana che pitzinna e mi nd' imbiat
versos amenos ch' essera poeta,
pro cantare a sa vida in palaetta
cantones chi fiorin su caminu

Su caminu chi ripidu presentat
a sos passos pedrosu un' istrintortzu
non lu timo, ne timo su puntortzu
de sos males chi punghen sa carena:
s' in bucca jutto una cantone amena
sa 'etzesa 'e sos annos non s' ammentat!

Est intro 'e me chi giovanu mi sento
cando canto in sas dies ch' attraesso
e si pro casu a currer non resesso
non m' importat: a passu lentu isterro
cantu 'e viver mi restat e m' afferro
a sa lughe de s' anima...e m' appento!

                            Antoni Maria Pinna di Pozzomaggiore (SS)

Posted by giomas2000 il 24 Dicembre 2009

Torna su


S' UMBRA

          ...un' altra 'chicca' di un grande poeta...

No apo 'e mama una fotografia mancari chi su late nd'apa sutu,
ma la ido cun s'oju meu asciutu simile e tale che cando fut bia.

E-i s' immagine in sa fantasia cantos ammentos caros m' at allutu!
Si sa morte su corpus si ch' at giutu,
nessi s' umbra est restada in mente mia.

Paret chi l' ida cun su metro e tela,
rea in sa banca sestende e medinde
o setzida in sa machina tessinde,
galana e colorida che una mela,
o cando m' atopait a carrela
po m' abbratzare, dae missa eninde.

                           
                           Remundu Piras

Torna su


MISTERIU

          ...un sonetto per ricordare un amico prematuramente scomparso...

Cand' a mie matessi eo domando,
paret chi solu a musca tzega joghe,
paret ch' intenda nendemi una oghe:
"Deo ti nd' appo atidu e ti che mando".

Li naro: "Si ses tue, pruite tando
no ti presentas pro chi t' interroghe?"
Ischire tia cherrer a inoghe
da inue so ennidu e ue ando.

Si finas s' esser meu m' est ignotu
po chi deo cun mie notte e die cunviva,
si mi naran: "Tue ses chie?"
poto risponder: "No mi so connotu"!

Naran chi tzeltos connoschen a totu
e deo no connosco mancu a mie!

                           
                           Remundu Piras

Posted by giomas2000 il 25 Agosto 2011

Torna su


SONO IN RISERVA...

Bellissime frasi in italiano (arrangiate by giomas2000) ma scritte da un sardo che secondo me,
piu' sardo non si puo', dedicate alla sua madre terra!


Sono in riserva...
in riserva di mare e di macchia mediterranea,
di mirto e di rocce rosa,
di sole e di sale,
di asfodelo e di orizzonti sconfinati,
di limba, di facce con sorrisi simili al mio.

Sono in riserva...
dei suoni delle mie strade,
del vociare della mia gente al mattino presto,
del soffio del vento,
delle onde che si infrangono sulle mie rocce,
dei miei fondali e della mia posidonia.

Sono in riserva...
della spiaggia infuocata e dei fichi d'India,
dei nostri canti antichi e dell'odore antico di nuraghe,
di miti ed eroi di casa mia,
della ninnia di mia nonna,
delle canne al vento.

Sono in riserva...
delle grotte fresche e di quel cielo blu,
quel blu vivido da farti male agli occhi,
dell' odore di madre terra,
degli scrosci di ruscelli argentei dei miei monti...
degli uccellini che cantano all'ombra nel meriggio infuocato...

Sono in riserva...
di pensieri profondi,
di primavere che arrivano sempre piu' veloci,
di capelli bianchi e di stanchezza,
di pace e di liberta'...
per le persone che amo e per tutto il mondo...

Sono in riserva per la mia terra...la Sardegna!

                                       Patrizio Fadda

Posted by giomas2000 il 15 Agosto 2013

Torna ad inizio pagina