La pagina di Maria Giovanna Cherchi

   

Nata e residente a Bolotana, inizia a cantare dall'eta' di 6 anni, questo, grazie al padre Pietrino, musicista e cantante solista dei "Greff" (anni 60'), dal quale ha ereditato la passione per la musica e proprio insieme a lui inizio' ad esibirsi nelle feste paesane.
La sua passione e' la musica sarda. Ha sempre sentito dentro di se una gran passione per i nostri suoni e colori, ascoltando e facendo tesoro di grandi artisti sardi come Mario Scanu, Maria Carta, Piero Marras etc.
Nel 1995 incide "Roccas", vince un concorso regionale e firma un contratto discografico.
Nel 1999 incide il suo primo disco dal titolo "Ammentos", dove interpreta brani inediti provenienti dalla trazione bolotanese. Il disco ottiene grande successo cosi come lo stesso suo spettacolo che decide di chiamare "Cantare la Sardegna".
Nel 2000 inizia a lavorare con Piero Marras e nel 2001 esce il suo secondo album dal titolo "Unu frore che a tie" che porta proprio la sua firma, insieme a quella del noto poeta Paolo Pillonca.
Nel 2003 nasce il terzo albun "Terramama", un disco nato in sordina ma che ha regalato tante soddisfazioni negli anni in quanto esso contiene brani come "Non potho reposare", " Ave maria ", " Lo scottis ( cantato da Tore Nieddu )", e tanti altri classici che lo rendono un sempre verde.
Il 2006 e' l'anno di " Mediterranea" un lavoro di ricerca durato 3 anni interamente arrangiato da Uccio Soro, virtuoso della chitarra ( ad eccezione di Malu ighinu, brano arrangiato da Paolo Poddighe ). In questo disco sono stati raggruppati diversi nomi del panorama musicale sardo ( Paolo Pillonca, Gino Marielli, Benito Urgu, Maria Luisa Congiu, Franco Madau, Manuel Rossi Cabizza ). Questo intento ha fatto in modo che ogni brano goda di propria personalita' dando all'intero disco una moltitudine di colori.

Maria Giovanna Cherchi si esibisce dal vivo accompagnata stabilmente dal suo gruppo composto dagli amici: Tore Nieddu (Loiri) voce, chitarra ritmica e armonica a bocca - Marco Chessa (Sassari) Batteria e percussioni - Gianni Gadau (Porto Torres) Basso e Paolo Poddighe (Sassari) Tastiere, fisarmonica (arrangiamenti),

Scarica la suoneria per cellulari  Ponte Mannu