Il gatto cade sempre in piedi
(non si fa quasi mai male e si cura da solo)

postato da giomas2000 il 03/04/2017

quote

Il gatto e' un carnivoro predatore molto efficiente, ma anche lui ha dei limiti. E' vero che quando precipita dall’alto ha la tendenza a riequilibrarsi in modo da cadere sulle quattro zampe, anche grazie alla coda che funziona da "timone", ma purtroppo questa abilita' non sempre e' sufficiente a evitare cadute rovinose e conseguenti traumi. Curiosi e audaci spesso cadono da balconi e finestre. E, se atterrano su superfici dure, come sul cemento, si possono far male, anche molto, per esempio si possono fratturare le ossa (gambe, bacino). Bisogna dunque recuperarli - di solito si spaventano e si nascondono - e portarli dal veterinario per curarli. Molta attenzione bisogna fare quando sono piccoli, se cadono da una balcone o da una finestra e' difficile che riescano a sopravvivere. Curiosissimi i gatti spesso si cacciano nei guai. Ma non e' vero che non si fanno mai male.

Che fosse capace di autocurarsi forse era vero fino a 40-50 anni fa, nel senso che non c' erano altre possibilita' e il gatto o si "curava da solo" o moriva. Ma negli ultimi dieci anni la medicina veterinaria ha fatto passi da gigante, in particolare nei riguardi dei piccoli felini di casa. Ora esistono strumenti diagnostici, farmaci, operazioni chirurgiche, integratori alimentari, per risolvere moltissimi problemi di salute. Anche molte patologie una volta imputate alla vecchiaia sono curabili (il che non significa guaribili). Il rapporto tra madre e cucciolo appena nato e' fondamentale per i gatti. E proprio in questo momento cominciano a fare le fusa per dire alla mamma "sto bene". Continueranno a farlo anche con i loro amici umani.