La cartina della zona Con indicazioni...

La valle del Temo

Questo scorcio di cartina indica la zona dove e' situato il paese di Padria.
Insieme alle altre pagine raggiungibili dal menu sulla destra, e alle tante foto, sempre dal menu, ho cercato di raccontarvene un po' la storia contemporanea, ma ci vorrebbe un'intero sito per conoscerne a fondo tutti gli aspetti...chissa' che un giorno, trovando il materiale giusto, si possa realizzare questa idea.
Per ora godetevi quello che il sito tenta di offrirvi.

La passione per la poesia e il canto popolare e'sempre stata molto viva nella coscienza della comunita' padriese, intese come manifestazione folkloristica ma sopratutto per affermare un particolare aspetto della formazione culturale, per ricercare scambi, consolidare amicizie con altre comunita', per testimoniare e continuare una tradizione le cui origini si perdono nella notte dei tempi.
Gli autori preferiti per chi privilegiava la poesia colta, erano Luca Cubeddu, Paolo Mossa, Gavino Pes, Melchiorre Murenu, Gavino Contini, Pirastu, Antonio Cubeddu, Maria Farina, Raimondo Piras, Barone Tucconi, Barore Sassu.
Nel secolo scorso si sono messi in evidenza alcuni poeti locali: Pietro Bezzu, Giommaria Piu, Pietro Meloni, Paolo Cossu, Andrea Piga e Antonio Scanu. Di alcuni di loro ho trovato alcune composizioni che troverete in questa pagina.

                                                                                giomas

Poesie e gare poetiche Senza traduzione...

FAULAS

E' il tema proposto a Piras e Tuccone in questa gara poetica...
(due poeti sardi)

Remundu Piras:
Deo appo idu unu cane nieddu
mannu cantu su monte 'e Idda Noa
che Monte Doglia giughiat su chelveddu
e finzas a Poltu Turres fit sa coa
sa conca che feriat in Casteddu
ei sos pilos che serpente boa
e cando appeddaiat in Italia
sintendiat in totta s'Australia

E risponde

Barore Tuccone:
A unu piscadore in Maddalena
sa pippa intro 'e mare chest falada
s'annu infatu a piscadu una balena
mi intro e colpus biche l' hat acciappada
Abbaidat sa pippa e fit piena
fit che cando l'aiat garrigada
si la ponet in bucca cun lestresa
tirat sa pippa e fit ancora azzesa

Gara a poesia sui numeri


Remundu Piras: da Villanova Monteleone cun su numeru tres

Barore Tuccone: da Budduso' cun su numeru sette


Remundu Piras:
Cristos tres annos preigadu as crese
e tres dies duresi s' agonia
tres giaos hana postu a su messia
unu pe manu e s'ateru in sos pese
Feminas pias piantu l' han trese
Maddalena Veronica e Maria
tres lu sepellini e tres l' han tentadu
a sas tres dies est resuscitadu

Risponde

Barore Tuccone:
Su mundu hat sette prodigios mazzores
e sette sunu sas bolgias infernales
s' alcubalenu hat sette colores
e sette sunu sos viscios capitales
Nostra Signora hat sette dolores
Sebustianu hat sette pugnales
Da s' Ispiridu Santu sette ammentos
e sette puru sun sos sacramentos

Altre due battute al volo:



Barore Sassu:

Deo cheriat idere a Barore Tuccone
cantu su campanile, mannu e rassu

Risponde

Barore Tuccone:

E deo cheriat idere a Barore Sassu
cantu 'e un'agu 'e cosire su calzone
________________________________________________

Una bella e amara poesia... ...con descrizione.

Ottavas de tiu ANTONI SCANU a su fizzu Giuanne, emigradu in Argentina (mancano tre righe di quartina, ma la poesia non ne risente molto...)

Una storia vera di poverta' ed emigrazione nel XX secolo. Un padre, non avendo disponibilita' economiche, aveva chiesto un prestito per consentire al figlio di emigrare in Argentina. Il figlio ne aveva promesso la restituzione con i primi guadagni. E' probabile che la fortuna, da un punto di vista economico, non gli fosse stata amica e quindi alla domanda del compaesano che tornava a Padria: "Ite li mandasa a babbu tou?" - aveva risposto: "E ite li poto mandare, duos papagallos!"
Questa sotto e' la risposta, amara, del padre:

SOS PAPAGALLOS
Pro ricumpensa 'e sos pappagallos
ti mando custa triste poesia,
si m'agato a cand'enis a Padria
non t'appo attoppare a piatta 'e ballos,
non t'at a fagher sas manos a gallos
astringhideti forte 'e s'allegria,
pro parte mia ch'enzas o no ch'enzas
est che chi mai 'e babbu nde tenzas.
Custas rimas ti prego 'e cunservare
che breve in dossu tou ti las pone,
custu ammentu pro si s'enzione
fatta pro non andare a soldadare,
a podia su fizzu pregare
poneli cura cun attenzione,
pro mi pagare comente mi as pagadu
ca agiommai mi fia raffiadu.
Ca no tenia peruna esperientzia
in battor'annos cantu as mezzoradu,
e cal'est su cincellu istudiadu
chi superet sa tua intelligenzia,
iscur'a issa si no at passentzia
s'est beru su chi in bidda mi ana nadu,
biada a issa e a sa famiglia mia.
S'arriveras currinde a benner terzu
de leare de su pannu purzione,
paret chi giutes bella intentzione
de babbu tou a nde fagher s'ischeltzu,
mancari chi rispuntet a infeltzu
tenet ancora sa professione,
e si podet che poberu campare
sentza su pappagallu a lu giogare.
Mi meravigliat d'essere cori duru
chi non ti movet sa cumpassione,
tantu de domo sa posizione
comente 'e deo l'ischis tue puru,
si t'appo fattu lamentu, 'e seguru
signale ch'appo lamentazione,
e s'arrivo a ti fagher sos lamentos
est chi m'agatto in graves patimentos.
Unu bonu iscrivanu appo chircadu
pro t'iscrivere in sardu ogni faeddu,
a riguardu 'e su fattu 'e Oneddu
su battoro 'e frearzu mi at tzittadu,
nende basta a su tempus chi m'at dadu
adeallu chi faghinde si est nieddu,
m'at nadu giaramente: 'Accolla s'ora
non pagas, da Lalvedu essiche fora'!
M'at nadu: 'Chessis fora dae Lalvedu
si no mi pagas prontu cussu restu,
a lu pagare cantu pius prestu
m'at nadu gia masedu masedu,
e allu chi fatende si est aghedu
ca preparadu lu tenet su sestu,
si no li dasa cussu restigheddu
Lalvedu certu restat a Oneddu!
M'as nadu a mi ponner polcu mannu
cun s'impero' chi lu pagais tue,
no m'as pagadu ne polcu e ne sue
antzis m'as causadu pius dannu,
e-a daghi istadu sese in cue
non t'ammentais chi passait s'annu,
e-i su cunzadeddu (malannu)
po neghe tua est de Oneddu!
Non toccaiat a tie a lu pagare
cando pro te mi l'aia prestadu,
e babbu tou si non l'at pagadu
est c'ada atteros fizzos de campare,
invece cussu restu 'e nde mandare
de babbu tou ti nde sese beffadu,
su pappagallu cherinde offrire
proandare a girare e a pedire.
Ca su primu genitu 'e Noe'
de su babbu s'est cherfidu ischertzare,
si nd'est devidu riere e burlare
daghi l'at bidu nudu e fora 'e se,
Sem e Jafett cun su mantu 'e Re
sa persona l'at devidu ammuntare,
e a palas insegus sun andados
Dagh'est Noe' torradu a sinu sanu
at a Sem e Jafett beneitu,
e s'stirpe de Cam at malaitu
ca est istadu perfidu inumanu,
Cam est giudicadu unu tiranu,
pro ite at commissu un'oltragiu delittu
e tottu sos chi su babbu an'oltraggiadu
si su rendidos a pessimu istadu.
Finis fizu si gai l'as connottu
de babbu tou a tinde buffonare,
Deus ti diat vida a t'ammentare
finzoas a esser sabiu e addottu,
naro Deus ti pottat perdonare
e cun pinatu custa tich'imbio
pero' est s'ultima olta chi t'iscrio.
________________________________________________

Dal poeta PAOLO COSSU di Padria...con commento e traduzione da

CANZONI POPOLARI DI SARDEGNA IN DIALETTO LOGUDORESE
a cura di GIOVANNI SPANO

Era di professione calzolaio, allegro e divertito. Fece pure il soldato, ed in allora apprese a leggere e scrivere. Compose molte canzoni di ogni genere, specialmente quando era in carcere, ma non sono state tutte raccolte. Fu ucciso proditoriamente nel 4 dicembre 1866".

UN'AUTORE CHERET RACCONTARE

Un'autore cheret raccontare sas penas de su tristu presoneri,
che un' esiliadu furisteri bivende abbandonadu in terra anzena.
Poesia, aumentami sa vena chi cherzo raccontare cust' historia:
lassant sa parte faghinde vittoria e i sos suos chena bi pensare.

E i sos suos chena pensamentu lassant su presoneri abbandonadu,
da ch' est in cussas pedras inserradu non nde faghent niunu sentimentu.
Lamentat: "E a chie su lamentu?" suspirat: "E a chie su suspiru?"
Cun silenziu mudu in su ritiru chena poder sos males esplicare.

Non podet esplicare tantos males in su ritiru, in silenziu mutu,
da chi lu ident in presone rutu l' abbandonant finzas sos corales;
mancu una orta che i sos annales de sa presone non bos nd' ammentades,
in manu a s' inimigu lu lassades a cantu si nde cheret vindicare.

Chi fettat s' inimigu sa vinditta sos suos non bi pensant in niente,
l' abbandonant amigos e parentes, finzas sa mama chi l' hat dadu titta.
E tantu ses, presone, malaitta! chi ses dai totu ismentigada;
e nessi tue presone ostinada faghenos cumpagnia a suspirare!

Faghenos cumpagnia a sos suspiros, presone incrudelida e sorte dura!
Cantos dai sa mezus gioventura t' hant tentu in cumpagnia sos ritiros,
ne podent tollerare tantos tiros e ne podent sa pena resistire;
da chi nde bessit ch' andet a pedire su chi si salvat de lu cundannare.

Su chi si salvat de dibattimentu si podet narrer allegru e giucundu,
si calchi cosa lassat in su mundu tot' est andadu che chijina in bentu,
torradu a su matessi patimentu e da ue cherides chi si campede?
O bisonzu chi furet o chi trampede da chi no hat inue tribagliare.

Da chi est dai su mundu abbandonadu devet torrare a sa matessi pena:
su sonu de sas giaes e cadena ogn' istante s' agattat turmentadu,
e ogni duas horas visitadu reposu chena nd'haer un' istante:
sa rocca pius dura de diamante inhoghe devet paura leare.

Inhoghe devet leare paura mancari siat de marmaru forte
chi l' attit ad estremos de sa morte, lu reduit ad una sepoltura;
amigos non parentes non si cura da chi est disterradu in su disterru,
su sonu 'e sas cadenas de su ferru sende sanu lu faghent rezirare.

Rezirare lu faghent sende sanu alliviu non tenzende in cussas penas,
su sonu 'e sas terribiles cadenas li perdet sa figura 'e cristianu,
da ch' est in manus de su soberanu su pius istimadu l' abbandonat;
si ponzat s' inimigu sa corona da chi no hat a chie lu chircare.

S' autore ad sas penas est presente, lu naro chi sas penas hat proadu:
cuddu pius chi tenet istimadu ti narat pius male occultamente,
si che Deus esseret innozente testimonzos ti giurant su delittu;
lastimadu si cheret poverittu pro canta pena lis dant a passare.

Canta pena l' affligit e l'affannat chi si cheret piantu essende biu,
sa riputassione, forza e briu la perdet da chi jampat cussa janna;
iscuru a chie cuss' abba l' ingannat chi bivit chena tenner accunortu,
mezus sa mama si l' agattet mortu ch' in presone non benzat a b' intrare.

Eo lu narzo con dolu e cun zelu, nde racconto sa pena, su dolore:
si l' abbandonat chie l'hat amore ite det esser chi l' hat a rezelu?
Deo juro chi finzas a su Chelu abbandonat sos tristos carcerados
in mesu a sentinellas e soldados fina chi nd' essint a lu visitare.

S' est chi si chircat de su trattamentu semus patinde peus de su cane,
chena chircare minestra ne pane chi non tenet figura de alimentu;
da chi l' inserrant ind' un' appusentu est privo de ispassu, risu e giogu,
pienu de mundia e de piogu chena poder un'hora reposare.

Chena tenner un' ora de reposu bene godet istare asseliadu,
dogn' istante s' agattat turmentadu, in sas penas s' incontrat affannosu:
s' esseret che leone coraggiosu devet perder sa sua fortilesa.
Pro niente, persone, ses intesa mancari ti cherferas lamentare.

Pro niente iscurtada ses, persone, e ad ite ti balent sos lamentos
in mesu de flagellos e turmentos? Gai la passant sos de sa presone:
s' esseret forte che unu Sansone li reduit s' ischina a unu ganzu,
mancari siat pulidu e liccanzu a s' apprettu est bisonzu a si etare.

Bisonzu chi si ettet a s' apprettu ca lu faghent istare a mala gana,
e poi su riccattu chi li dana gia' podet narrer ch' est pulidu e nettu!
Si faeddat lu ponent in secretu e bene asseguradu in pes e manos,
ne mancu culpant sos guardianos ca issos devent sa legge osservare.

Dognunu tenet su regolamentu chi bilu legent dogni die 'e festa,
chie sospirat a manca e a destra cun su coro pienu de lamentu;
dogni die nos paret annos chentu, oh vida sa pius disisperada!
E mancari bi siat s' inferrada est privu de si poder acherare.

E calecunu chi s' est lamentadu, d'amigu e parentes discuntentu,
et eo ch' hapo fatto testamentu e totu a frade meu hapo lassadu,
no intamen de m' haer visitadu mancu una orta dimandadu nd' hada:
cherides pius dura un' istoccada chi nos potat su coro trapassare?

Cherides pius dura una ferida chi trapassare nos potat su coro?
Nos abbandonant de sa dom' issoro a costu de salvarenos sa vida
nende chi sa presone est avvilida sos chi faghene male bivent peus:
a sos lamentos nostros finzas Deus sas orijas hat cherfidu serrare.
Pro finis s' argumentu lu sensamus, fattamus d'una orta finimentu.

Processato e chiuso in carcere, descrive le pene dei carcerati.

UN AUTORE VUOLE RACCONTARE

Le sofferenze del triste prigioniero. che vive come un esiliato, abbandonato come un forestiero in terra straniera. Poesia, accresci la mia vena che voglio raccontare questa storia: i suoi cari lo lasciano da parte ben contenti, senza curarsi di lui.
I parenti senza alcun pensiero lasciano il prigioniero abbandonato, da quando e' chiuso tra quelle mura non provano piu' niente per lui. Si lamenta:" ..E a chi rivolgo questo lamento " sospira " e a chi rivolgo i sospiri?". Muto e silenzioso in quel confino senza poter confidare i suoi mali.
Non puo' confidare i suoi tanti mali, muto e silenzioso in quel confino, non appena lo vedono chiuso in prigione lo abbandonano persino i parenti piu' stretti: neppure una volta vi ricordate di chi e' chiuso per anni in prigione, lo lasciate in mano ai nemici in modo che possano farne vendetta.
I suoi cari non si preoccupano per niente che il nemico faccia la sua vendetta, l abbandonano amici e parenti, persino la madre lo ha allattato. E tu, prigione, sei tanto maledetta che vieni dimenticata da tutti; almeno tu, prigione ostinata, facci compagnia nel sospirare!
Facci compagnia nel sospirare, prigione crudele, destino avverso! Quanti nella loro piu' bella giovinezza ti hanno avuto compagna nel loro esilio, senza riuscire a sopportare tante avversita' e senza riuscire a resistere la pena; meglio vada a chiedere l'elemosina, quando esce, chi si salva dalla condanna.
Chi si salva dal processo puo' ben dirsi soddisfatto e allegro, se ha lasciato qualcosa nel mondo sara' andato tutto in cenere al vento, e tornato a una condizione simile da dove credete che possa campare? E' costretto a rubare o a fare imbrogli perche' non ha di che lavorare.
Visto che viene abbandonato dal mondo deve ricadere nella stessa pena: si trova cosi' tormentato ogni momento dallo sferragliare delle chiavi e delle catene, ogni due ore subisce un controllo e non ha un momento di riposo: anche una roccia dura piu' del diamante proverebbe paura in questa situazione.
Qui provera' paura anche se e' di forte marmo, poiche' la prigione lo riduce in punto di morte, lo conduce alla sepoltura; ne' amici ne' parenti si prendono cura di chi e' gettato in quest'esilio e lo sferragliare delle catene lo fa impazzire anche se e' sano di mente.
Anche se sano lo fanno impazzire perche' non trova sollievo da quelle sofferenze, lo sferragliare delle orribili catene gli fa perdere persino l'aspetto di cristiano, non appena cade in mano del re anche colui che ama di piu' lo abbandona; il suo nemico puo' ben essere contento perche' non ha nessuno che si occupi di lui.
L'autore ha ben presenti quelle pene, dico che le ha provate: quello che e' da te piu' benvoluto e' quello che di nascosto dice piu' male di te, anche se sei innocente come Dio ci sono testimoni che giurano sul tuo delitto; e' da compiangere per quanto lo fanno soffrire, poveretto.
E' tanta la pena che l'affligge e l'abbatte che bisogna piangerla come morto quando e' ancora vivo, come oltrepassa quella porta perde la reputazione, e insieme forza e brio; poveretto chi viene ingannato da quell'acqua, vive senza avere nessuna consolazione, sarebbe meglio per lui essere trovato morto dalla madre che entrare in prigione.
Lo affermo con dolore e con preoccupazione, ne racconto le sofferenze e i dolori: se lo abbandona chi gli vuole bene cosa fara' chi gli e' contrario? Io sono certo che persino ll Cielo abbandona i poveri carcerati in mezzo a sentinelle e soldati, fin quando usciranno per raggiungerlo.
Se poi parliamo del trattamento posso dire che stiamo soffrendo piu' che cani, e non parliamo di minestre e di pane che non hanno l'aspetto di alimenti; da quando lo chiudono in quella cella non ha piu' passatempi, giochi e risate, e' pieno di sporcizia e di pulci e non riesce a riposare una sola ora.
Senza avere un momento di riposo deve certo starsene calmo, ogni momento vive tra i tormenti, soffre tra mille pene: anche se fosse coraggioso come un leone e' destinato a perdere la sua forza. Non sei ascoltato in nulla, uomo, anche se ti volessi lamentare.
Non sei ascoltato in nulla, uomo, a che possono valerti i lamenti in mezzo alle pene e ai tormenti? E'questa la vita dei prigionieri: anche se uno fosse forte come Sansone gli si riduce la schiena a un gancio, e per quanto sia pulito e raffinato e' costretto, dal bisogno a gettarsi su tutto.
E' necessario che al bisogno accetti tutto perche' lo trattengono anche se non vuole, e poi il cibo che gli danno si puo' proprio dire che sia pulito e netto! Se protesta lo mettono in cella di rigore, con piedi e mani ben stretti, e non incolpano nemmeno i guardiani perche' sono tenuti ad osservare la legge.
Tutti hanno il regolamento, glielo leggono tutti i giorni di festa, chi sospira a manca e chi a destra col cuore pieno di lamenti; ogni giorno ci sembra duri cento anni, oh vita disperatissima! E per quanto ci sia l' inferriata non ci si puo' affacciare.
Qualcuno si e' lamentato, scontento degli amici e dei parenti e io, che ho fatto testamento e ho lasciato tutto a mio fratello? Non solo non mi ha mai fatto visita, ma non ha neppure mai chiesto di me. Credete che ci possa trapassare una pugnalata peggiore di questa?
Credete che ci possa trapassare il cuore una ferita piu' crudele di questa? Quelli di casa ci abbandonano a costo di farci perdere la vita, dicono che la prigione ci degrada e che quanti fanno male vivono peggio: anche Dio ha smesso di ascoltare i nostri lamenti.
Chiudiamo infine l' argomento, mettiamo fine una volta per tutte; se andiamo avanti in questa situazione ci riempiamo il cuore di sofferenza, e poiche' siamo fuori dal mondo, e dal mondo dimenticati, e' grande solo la gioia degli avvocati che cercano unicamente di depredarci!
Un autore vuole raccontare.

________________________________________________

PIETRO BEZZU di Padria...senza traduzione...

Brillantissimo improvvisatore quanto abile compositore a tavolino, aveva anche una bella voce che imprimeva al verso una stupenda sonorita'. Predilegeva la poesia satirica, spiritosa e scherzosa. Il suo capolavoro maggiormente ricordato (anche qui sotto) e' rappresentato da una composizione egregiamente parafrasata, rivolta ad un Frate del locale Convento degli Osservanti, tale Fra Costanzo Calvone, colpevole, nei suoi confronti, di non aver mantenuto una promessa. Mori' il 3 Gennaio 1869.

FRA COSTANZU CALVONE

Gia' tenes bonu su trattu,
una prommissa m' hat fattu
dae s' annu sessant' unu
asi cumprat cum d' ognunu
cantu as cum megus cumpridu
tres annos si che hat finidu
senza bider sa prommissa.
No creo mancu in sa missa
sa chi assistit in s' altare
proite no hat a resare
cuddu Confiteor Deo,
dai cussu solu creo
ch' es de trampas garrigadu,
si non l' haere pagadu
podiat tenner rejone,
ma hat su nomene de Carvone,
e de carvone hat su pesu.
O forsi l' hapo pretesu
a mi la dare 'e regalu?
S' est chi li naro ch' est malu
issu si nd'hat a offender
ca est licu de pretender
riguardos et honore.
Fit a fagher su favore
a m' attire solamente
custa la tenzo presente
bell' e' roba 'e pagu impitta
cust' amore fritta fritta
chi sempre mustradu mi hada
bi l' happo rifiutada
ca fit lena e paga ispera,
e da una tabachera
bessire gia' nde podimus
solamente distinghimus
totu s' amore 'e sos Padres
issos nos mirant che frades
cando pedint sas intragnas
ispozende sas campagnas,
sas arzolas e cuiles.
E si vivent de ziviles
cum s' astuzia 'e arte insoro,
no mustrant cuddu decoro
de Santu Franziscu 'e Assisi
pro figura benesi
giughent s' abidu, e cordone
pro inzegare su mundu.
Faeddemus dae fundu
totta sa conseguenzia
e ue est sa penitenzia
sa chi in cunventu faghides?
Bois iscarpas giughides
lustradas de marrochinu,
ma Franziscu Serafinu
andait cun su pe nudu
est vividu e mortu arvudu
e bois tottu arvi fattos
cando chimbe e ses piattos
b' hazzis in su refettoriu,
cale afflittu purgatoriu,
sunu sas bostras lamentelas
dende a su populu affrentas
chi paga cosa bos dana.
Sa familia Franziscana
sezis personas astutas,
finzas s' abidu a iscutas
in dossu ostru giughides,
Santu Franziscu a ischides
chi mai si lu hat bogadu
finza in su lettu corcadu
si lu giughiat bestidu
su chi su Santu hat patidu
bois lu gosades como,
sos furros de ogni domo
donzi die visitades,
sas feminas imbovades
sabia siat o macca,
tribagliades cum sa sacca
ca est su ostru istrumentu,
o su tempus de s' avventu
lu passades penitente
si mi fit cumbeniente
cantu bos cheria narre!
S' abidu ostru a sa carre
non bi poder giomper mai
ca bei hat pizos assai
de crambich e de flanella
e da ch' andades a zella
subitu bos lu leades,
in su muru l' appicades
che "roba 'e pagu valore".
E dogni benefattore
est cum bois generosos
poi sezis rezelosos
de s' istadu Cappuzzinu,
li serrades su caminu
chi dogni cosa lis neghent
a bois solu chi aggreghent
custu consizu gia' dades.
Ca nachi ois cunservades
su Cunventu 'e Terra Santa
de ch' est unica pianta
de nostra redenzione.
Deo bos dao rejone
chi custu lu cunservedes
a Cappuzzinos non ledes
su bene chi si meritant.
Ca penitentes impiantant
sa oras de mesanotte,
su legu, su Sazerdote
si faghent sa matutina,
sa famiglia Cappuzzina
imitat giustu su Santu.
Tuniga, abidu e mantu
giughent solu in sa persone,
issos non giughent bentone
ne pantalones de pannu.
Sunt iscurzos tottu s' annu
a biddia e a serenu,
una puada de fenu
tenent pro si riposare,
pro si poder ammuntare
unu pizzu de fressada.
Chin s' arva resada
chi giughent cussas persones
veras decorassiones
de su Santu fundadore.
Non vivet mancu segnore
che i su padre osservante,
poi raru est su chircante
chi non prestat cantidades,
finza su Santu ingannades
senza sos Superiores.
A dogni giuarzu minore
hazis fattu de asie
gosi, custu hat fattu a mie
ch' est una cosa de ispantu,
pro riguardu a su Santu
nd' evito s' occasione.
Fra Costanzu Carvone,
Fra Costanzu Carvone!


Posted by giomas2000 | 28/02/2008

Si ringrazia l'webmaster Francesco Sole
per aver messo a disposizione parte del materiale presente, prelevato dal suo sito www.gurulisvetus.it
altrimenti quasi introvabile per i non addetti ai lavori.

giomas2000

 

CSS Template by Rambling Soul